Come scegliere l’organizzatrice per il vostro evento
30 Gennaio 2015
Keep calm and hire Sofia Gangi
5 motivi per affidarsi a un’organizzatrice di eventi
27 Febbraio 2015

Il Baby Shower Party

Baby Shower Grace Anatomy

Personalmente non mi ritengo un’accanita sostenitrice di tradizioni non strettamente legate alla nostra cultura.

Non saprei come farcire un tacchino neppure se ad insegnarmelo ci fosse Irma Rombauer in persona, non mi maschero da strega il 31 Ottobre e la zucca rossa per me rimane un potente antiossidante nonché una gustosissima base per lasagne e risotti.

Tuttavia dall’ “arsenale americano”, ricchissimo di eventi ed iniziative in cui riempirsi lo stomaco di grassi ed “unterie”, e dove colori, nastri , tulle e bandierine si sprecano come se non ci fosse un domani, l’unico party che ho fatto mio e che sono sempre felicissima di organizzare è il Baby Shower.

Questa festa, rigorosamente al femminile, ha come protagoniste assolute le future mamme, giunte quasi alla fine della loro gestazione.

Di solito, così insegna la tradizione americana, importata in Italia da programmi del calibro di “Sex and the City”, “Grey’s Anatomy” e simili, l’evento si svolge durante il pomeriggio, ed è organizzato in casa della gestante o di un’amica.

Le ospiti portano doni e riempiono di coccole e attenzioni la futura mammina. Il regalo più ambito è ovviamente la monumentale torta di pannolini, ricca di oggetti nascosti che vanno dalle bavette alle salviette imbevute da ciucci a tettarelle da peluches ad abitini.

Uno sweet table nei toni del rosa o del celeste pastello ( a seconda che nel pancione ci sia una bimba oppure un bimbo) ricco di dolciumi a forma di bimba o bimbo, di minuscoli body, manine o piedini, orsetti o fiocchi nonché cocktail e bevande rigorosamente analcolici serviti in speciali biberon!

Per intrattenere la futura mamma e le sue amiche Carrie Bradshow and friends ci hanno insegnato a cadenzare il pomeriggio con giochi di vario genere, dalla pittura dei body bianchi destinati al nascituro con colori acrilici ( e qui vi assicuro anche Picasso o Monet si sarebbero divertiti da matti) alla “misurazione della pancia” un gioco cui devono sottoporsi tutte le invitate che indossando dei cuscini appositi sotto i propri abiti devono avvicinarsi il più possibile all’esatta misura della circonferenza della pancia della mamma!

Esiste anche la degustazione di cioccolati fusi insieme serviti su…pannolini…giusto per abituare l’occhio dell’ignara mammina!